mani che tengono due carte dei tarocchi

Tarocchi significato, origini e tipologie

Tarocchi significato, origini e le tante tipologie dei mazzi esistenti grazie alla diffusione che quest’arte divinatoria ha ottenuto in ogni parte del mondo e culture.

Ma come hanno avuto origine i tarocchi precisamente? Perché esistono diversi mazzi diversi? Quali sono i significati della cartomanzia in merito? Oggi, daremo uno sguardo a tutto questo, passo per passo e in maniera semplice!

Le carte dei tarocchi: accenno alle origini

Dunque, i tarocchi, carte rinomate tanto per l’intrattenimento quanto per la divinazione, hanno origine nel XIV secolo, con prime testimonianze in Europa che si collegano ai Mamelucchi d’Egitto.

Le carte tarocchi tradizionali comprendono quattro semi: spade, coppe, denari e bastoni, e somigliano moltissimo alle classiche carte moderne italiane, spagnole e portoghesi ( quelle che sicuramente possiedono i tuoi nonni per giocare a briscola…si, esattamente).

Nel XV secolo, in Italia, si assiste alla nascita dei tarocchi attraverso l’introduzione dei trionfi, carte aggiuntive al mazzo normale che includevano immagini più elaborate e significative.

Queste carte si trasformarono nel mazzo tarocchi che conosciamo oggi, composto da 78 carte divise in arcani maggiori e minori.

La storia ci dice che questa idea, di aggiungere dei trionfi a un comune mazzo di carte, è così vecchia quanto il 1440, quando Giusto Giusti menzionò per la prima volta queste “carte tarocchi” in una lettera allegata al regalo (fatto a Gismondo a Firenze).

È come se fossero stati i primi a dire: “Guarda cosa possiamo fare con un mazzo di carte ordinario! Aggiungiamo un tocco di magia fiorentina!

Tipologie dei tarocchi

Tarocchi Visconti-Sforza

Creati per la corte di Milano, questi tarocchi sono famosi per le loro illustrazioni dettagliate e l’uso ricco di significato arcani maggiori ( quindi si simboli). Alcuni dei mazzi tarocchi più noti includono il Tarocchi Visconti di Modrone e il Tarocchi Pierpont-Morgan Bergamo.

Tarocchi di Marsiglia

Questi tarocchi hanno avuto origine in Francia e sono famosi per la loro iconografia distintiva e l’utilizzo dei semi francesi. Nell’interpretazione tarocchi di Marsiglia, una delle carte più significative è il Tarocco di Marsiglia, il quale ha avuto un’influenza considerevole sulla designazione e sull’interpretazione delle carte tarocchi in Occidente.

Minchiate

Un mazzo espanso di tarocchi originario di Firenze che include carte aggiuntive rappresentanti elementi astrologici e altre figure simboliche. Questo mazzo era particolarmente popolare nei secoli XVI e XVII.

Tarocchi Sola Busca

Conosciuto per essere il più antico mazzo completo sopravvissuto, il Sola Busca includeva immagini alquanto uniche, spesso raffiguranti figure storiche e mitologiche in maniera allegorica.

Nei secoli, le figure dei tarocchi hanno acquisito una dimensione esoterica, con attribuzioni simboliche e divinatorie che si sono intensificate nel XVIII secolo. Figure come Antoine Court de Gébelin e Etteilla hanno contribuito a questa trasformazione, portando l’interpretazione dei tarocchi simile ad antichi libri egizi.

Le carte dei tarocchi: diffusione europea

I tarocchi divennero, già dagli albori, strumenti popolari di divinazione, diffondendosi velocemente insieme al loro compito .

Durante il Rinascimento, l’interpretazione delle carte trovò subito successo e “svariate richieste” nelle corti italiane e poi in tutta Europa.

Ogni luogo sviluppò, per dare diversi significati tarocchi, varie raffigurazioni nei disegni e nell’ordine dei trionfi, riflettendo le diverse influenze culturali e esigenze ludiche.

Tornando alla diffusione in Italia, essa avvenne grazie a diversi ambienti intellettuali e artistici, corti italiane come quelle di Milano, Ferrara e Firenze, divennero centri di potere dove l’arte e la cultura trovarono terreno fertile, e i tarocchi si inserirono in questo contesto come elemento di divertimento, oltre che come strumento di riflessione sociale e politica. Gli artisti creavano mazzi che non solo servivano per giocare, ma che fungevano anche da veicoli per leggere i significati dei tarocchi nella vita di un richiedente.

L’interpretazione delle carte e i tarocchi stessi, si diffusero attraverso le rotte commerciali europee. I mercanti portavano con sé questi mazzi di carte, spesso come mercanzie di lusso, nei loro viaggi attraverso l’Europa. Così facendo, i tarocchi raggiunsero la Francia, la Germania e oltre, dove furono adottati e adattati a gusti e sensibilità locali.

Per esempio, il Tarocco Siciliano e il Tarocco Bolognese in Italia, il Tarot de Marseille in Francia, e variazioni in Germania dimostrano come ogni area geografica abbia interpretato le carte dei tarocchi a proprio modo.

L’invenzione della stampa a caratteri mobili da parte di Gutenberg nel XV secolo giocò un ruolo importante nella diffusione e interpretazioni tarocchi.

La capacità di produrre mazzi con le figure dei tarocchi in modo più economico e in grandi quantità permise una diffusione più ampia e accessibile.

Le tecniche di stampa migliorarono nel tempo, rendendo i mazzi di tarocchi meno costosi e più facilmente disponibili per le masse, il che contribuì a cementare la loro popolarità attraverso le classi sociali in Europa.

Il significato delle carte dei tarocchi: influenza religiosa, sociale e politica

L’ampia diffusione dei tarocchi, il significato dei tarocchi e le credenze associate alla pratica della cartomanzia sono stati costantemente plasmati da influenze religiose e politiche nel corso dei secoli.

Spesso, quando si menziona la carta “il Diavolo”, vi è una reazione immediata a pensare a qualcosa di diabolico o maledetto.

Tuttavia, il suo significato è meno infernale di quanto comunemente si creda!

Durante il Rinascimento, la Chiesa cattolica esercitava un controllo significativo sulla vita quotidiana in Europa, e gli atteggiamenti verso il gioco e le attività ludiche variavano a seconda delle posizioni ecclesiastiche locali. In alcuni periodi e regioni, i tarocchi venivano visti con sospetto e potrebbero essere stati associati a pratiche occulte o visti come distrazioni frivole. Tuttavia, in altri contesti, erano accettati e persino utilizzati per scopi educativi o allegorici, come dimostra la loro incorporazione in opere d’arte, negli intrattenimenti delle corti nobiliari (come abbiamo visto precedentemente) e nella letteratura dell’epoca.

Successivamente, anche la società borghese imitò gli interessi dei nobili, tra cui farsi leggere i tarocchi.

Le guerre e le migrazioni hanno avuto un impatto notevole sulla trasmissione dei tarocchi e la loro spiegazione nella lettura.

Le truppe in movimento spesso portavano con sé giochi e passatempi, tra cui i tarocchi.

Inoltre, le migrazioni forzate o volontarie di gruppi di persone a causa dei conflitti o delle ricerche di nuove opportunità contribuivano a mescolare le culture e a diffondere vari usi e interpretazioni delle carte dei tarocchi.

Questo fenomeno è particolarmente evidente durante periodi come le guerre napoleoniche, che facilitarono l’introduzione della cartomanzia in paesi come la Germania e l’Europa orientale.

Tarocchi significato contemporaneo e diffusione nell’era moderna

I tarocchi e i significati dei tarocchi hanno continuato a evolversi e a diffondersi attraverso i secoli, raggiungendo un pubblico globale e diventando parte integrante di molte culture contemporanee.

Con l’avvento di Internet e dei media digitali, l’accessibilità e la popolarità della cartomanzia, e della sua interpretazione, hanno raggiunto livelli senza precedenti.

Siti web, app e forum online dedicati alla spiegazione tarocchi e alla lettura delle carte, hanno permesso alle persone di tutto il mondo di scoprire, imparare e praticare i tarocchi.

Questi strumenti digitali sono opportunità grandissime per gli appassionati di tarocchi di tutto il mondo, dove poter condividere interpretazioni, figure di carte e esperienze personali in merito.

Il significato carte dei tarocchi nell’era contemporanea si è anche espanso. Originariamente usati per il gioco, oggi sono prevalentemente visti come uno strumento di introspezione e meditazione. Molti utilizzano i tarocchi significato per la divinazione, cercando di ottenere guida e chiarimenti su questioni personali, decisioni di vita, o semplicemente per esplorare il subconscio.

I tarocchi significato sono spesso impiegati in terapie alternative come parte di pratiche di mindfulness e crescita personale, dove le figure simboliche delle carte servono a stimolare la riflessione e il dialogo interiore.

Inoltre, i tarocchi hanno trovato un posto nella cultura popolare, apparendo in film, libri, e serie televisive, spesso come elementi che aggiungono un tocco di mistero o esoterismo.

Questo ha contribuito a formare una percezione pubblica del significato carte tarocchi come qualcosa di magico e misterioso, aumentando il loro fascino.

A livello artistico e culturale, i tarocchi sono stati reinterpretati innumerevoli volte, con nuovi mazzi che continuano a essere creati, riflettendo una vasta gamma di temi, da quelli tradizionali a interpretazioni moderne basate su diverse culture, estetiche e filosofie.

Questi mazzi moderni non solo mantengono viva la pratica dei tarocchi significato, ma permettono anche di esplorare questioni di identità, spiritualità e estetica attraverso un medium visivo e simbolico.

Che si tratti di un passatempo, di un percorso di crescita personale, o di un’arte visiva, i tarocchi continuano a offrire una ricca fonte di simbolismo e significato, testimoniando la loro duratura attrattiva e versatilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *